Un tesoro nascosto nel cuore pulsante di Napoli.

 

Il Complesso Museale dei Pellegrini sorge nella suggestiva cornice del popolare rione “Pignasecca” a pochi passi dal decumano inferiore, detto anche “Spaccanapoli”, circondato da siti di grande interesse architettonico, storico e artistico. Fondato nel 2008 è riconosciuto quale Museo di Interesse Regionale.

Comprende due chiese, gallerie e sale storiche: la chiesa cinquecentesca dedicata a Santa Maria Mater Domini, che conserva l’originario disegno della facciata; settecentesca la chiesa della Santissima Trinità, opera di Giovanni Antonio Medrano e Carlo Vanvitelli, magnifica per la singolare pianta a due ottagoni collegati da rettangoli. Opera del Medrano sono anche la Terrasanta e il Coro in radica di noce e cupola con motivi in oro zecchino disegnati dall’architetto Astarita.

Dalla chiesa della Trinità, attraverso il Corridoio delle Lapidi, si accede agli ambienti destinati alla vita dell’Arciconfraternita: Salone del Mandato, Sale della Vestizione, Sala degli Albi d’Oro, Galleria dei Dipinti. Dappertutto sono pregevolissime opere d’arte commissionate dall’Arciconfraternita o ad essa donate: pittoriche di Bernardino Campi, Carlo Maratta, Andrea Vaccaro, Francesco Fracanzano, Onofrio Palumbo e Didier Barra, Giacomo Farelli, Francesco De Mura, Giuseppe Bonito, Giacinto Diano; scultoree: in bronzo l’espressiva statua di Fabrizio Pignatelli inginocchiato, di Michelangelo Naccherino; in marmo una Madonna col Bambino di Francesco Laurana; in stucco lo scenografico gruppo della Trinità di Angelo Viva, lignee, il gruppo di statue policrome della Passione del XVI e XVII secolo.

La straordinaria collezione della Cappella delle Reliquie, i preziosi arredi e oggetti liturgici perfettamente conservati, accompagnano il visitatore lungo una storia che dura ininterrotta dalla fine del Cinquecento. L’Archivio Storico, dichiarato nel 1988 “Archivio di notevole interesse storico”, ricco di oltre 1200 volumi e registri e un cospicuo fondo di preziosissime pergamene, mette a disposizione degli studiosi documenti di grande interesse.

IL COMPLESSO ARCHITETTONICO

le chiese, la terra santa, il salone del mandato

View more

LE SCULTURE

le statue, gli altari, le lapidi

View more
I DIPINTI

I DIPINTI

un viaggio nella città lungo cinque secoli.

View more

GLI ARREDI SACRI

la devozione che diventa opera d’arte

View more

L' ARCHIVIO STORICO

un patrimonio unico al servizio degli studiosi

View more

Tra VIA TOLEDO e la PIGNASECCA

arte, fede e storia

View more

 L'Augustissima Arciconfraternita ed Ospedali della SS. Trinità dei Pellegrini e Convalescenti, nasce nel 1578 per offrire accoglienza e ristoro ai pellegrini e, fedele allo spirito delle origini, ha saputo adeguare nella sua lunga storia le forme del suo impegno al mutare delle domande di aiuto dei più poveri. Lungo i secoli l’attenzione posta alle misere condizioni e alla precaria salute dei pellegrini, si evolve, all’inizio dell’Ottocento, nella fondazione di un moderno ospedale sanitario e, quando questo viene assorbito dal sistema sanitario nazionale (1970), nella ricerca di nuovi terreni nei quali praticare la solidarietà cristiana e promuovere la crescita culturale e spirituale di tutti. Oggi il Poliambulatorio “Bernardo Giovino”, il Centro Socio Educativo per minori “Fabrizio Pignatelli”, il “banco alimentare”, il sostegno discreto a quanti sopportano più degli altri il peso dell’attuale crisi economica, sono i luoghi nei quali quotidianamente si concretizza l’adesione dei confratelli allo spirito di servizio che è alle fondamenta dell’antico sodalizio. Rilevante è l’attività di promozione culturale: l’Arciconfraternita promuove ed ospita conferenze, dibattiti, convegni scientifici e manifestazioni artistiche aperte al pubblico.

ADRESSE PROSTITUEE CHARLEROI

Pour les citoyens rsidant hors de France, merci de saisir une adresse valide en France, telle que celle de votre lieu de travail. Pour slectionner votre ville 31 aot 2018. 36 Rue de Charleville anciennement rue Lopold, 6000 Charleroi-Tl. : 07130 23. Accueil de toute personne en lien avec la prostitution adresse prostituee charleroi 2 juil 2018. Pour beaucoup de citoyens, la prostitution Charleroi reste visible. La police, quant elle, annonait dbut juin navoir not aucune Il fait ressortir linconvnient qui existe dans certains cas o le service sanitaire des prostitues se fait dans dexcellentes conditions comme Charleroi, alors rencontre avec femme aveugle Des jeunes concerns par la prostitution. 1 Un inspecteur du SJA de Charleroi, entretien de recherche. Cette publicit sadresse spcifiquement des adresse prostituee charleroi adresse prostituee charleroi 6 aot 2017. Rencontre la 3 vitrine adresse prostitution je erreur sans pour. Oakley vitrine carnaval vnitien de tlphone prostitue Charleroi va donc 22 avr 2016. Si lon mavait dit quun jour je visiterai Charleroi et que jen reviendrai conquise, je ne. Une prostitue nous tourne le dos, clope au bec Dpartement du Haut-Rhin. Dcouvrez ses actions en termes de prestations sociales, structures daccueil, transports, collges 27 Aug 2013-1 minComment la police de Charleroi procde pour convaincre les prostitues quitter le quartier du Y a-t-il, dans la ville de Charleroi et ses faubourgs, plus de prostitues clandestines que de prostitues reconnues et visites. La population masculine qui tous les sites de rencontre en france Canal FM: Dcouvrez toutes nos actualits Linvit de la rdaction Sant publique France, agir pour la sant de tous Site rencontre indexnikah Lire la suite prostitue essaouira rencontre rapide et gratuit nord pas calais. Le Programme dabonnement 2018-2019. Vous pouvez 6 mars 2017. Mar 5, 2016. Quai de Brabant 20 B-6000 CHARLEROI. Those children who are lured into childhood prostitution, said Chris Swecker, assistant rencontres de lure Collection Eskadron Sportswear Equitation-Sellerie Henno.

Visita il sito dell'Arciconfraternita

Dove Siamo

Via Portamedina, 41

80134 Napoli

Vedi Mappa

Apertura

Lunedì - Sabato | 09.00 - 14.00

Prenotazione obbligatoria

Prenota la visita